Sant’Oreste – Cronaca del Giro delle Fonti 2011

Quest’anno u sole spiluccava addaveru. U callu ti struggeva cum’a cera e nun c’èra un cristjanu (eriamo ‘na cinquantina) ca ciricòcala nuda: chi portava e scuóppele i pàgghja, chi s’èra ‘bbutigghjatu um pannu zuppu là ‘n fronte. Nemmancu i tafani c’hanno datu lùzzicu: portiamo a pèlla cusì bullènte, che se si ‘ccostavono selli squagghjàvono e lale. Sé che ròbba, cari lettori! L’àcqua di funtanili atèra cum’a ghjusa: se ci buttiamo do’ maccaroni, si cocévono a lampu! I partecipanti, a primu, camminàvono tranquilli, ma dòppu pòcu ghjvono ‘ntrallacconi, e quanno vedévono ‘na cèrqua, facévono a lìtica pe’ stjaffaccesecci sotto. Eva pròpiu raggione nònna, quanno mi diceva “È mègghjo un scudu i ómmara e un zòrdu i pane, che fà ‘na vita sana a tribbulane!”. Partiti da Porta Valle vèrzu le 7.00 (lì a fòto inizziale ridiamo tutti, ma dòppu sàrviti cèlu!), simo passati pe’ Porta La Drento e simo ‘rrivati a Funtane Nòve: ‘na panzanèlla, quattro pummitori c’un tuócchju i càciu e arevìa cu zainettu lappa gròppa. Da lì simo passati ‘m mèzzu a cèrti campi e po’ emo ‘ttraverzatu un fòssu: quellu atè statu unu di momenti più bèlli. A gènte a vedevi ‘ppiccarezzata lapp’e ‘reppe: chi sciculava, chi metteva i piedi a mòllu, chi si ‘nfrociava addòss’ai roti. Però, tutti, ma pròpiu tutti, ghjel’hanno fatti nell’impresa. ‘Na vòta ‘rrivati lì a Funtana da Signora, ci simo areposati a frescu sott’e piante. I munèlli più ciuchelli ghjvono areccogghjènno e ranocchjette; quelli più zellosi si facévono i dispètti coll’àcqua. A lùtima parte è stata quella più àccia, vòi pa stracchezza, vòi pa sete: portiamo e budèlla ‘sciutte cumo i mazzugrassi! A passu lèntu, donca, simo ‘rrivati finu là u Funtanile i Verzanu: parécchja gènte s’è messa sotto u cannellu pe’ fraciassi a capòccia; chitunatru si stregava l’àcqua fredda lappu mùciu, lappi stinchi e lappu còllu. S’èrono fatte mezzuggiornu passate e u stòmmicu cuminciava a bubbulà, cusì, fatta ‘n’atra scarpinèlla ‘mmacchjonata, simo ‘rrivati ladda Riccioni. Macché, ci sarrìa piaciutu, ‘nvece c’eriamo sbagghjati! Simo aresbuciati drent’a villa i do’ cristjani che c’évono ‘na spasa i cani. C’hanno cuminciatu a ‘bbagghjà e a rucà e noi tricculiamo cum’e vìnchja! Pe’ fortuna che a ‘n cèrtu puntu sò scappati fòra i padroni e l’hanno carmati, sennò ce si scoticàvono vivi: noi, difatti, nun c’iamo ‘mmancu più a fòrza pe’ strascinà e cianche e pe’ cùrrili via. Sé che ròbba, cari lettori! Giunti a destinazzione, emo magnatu a quattro canasse, quant’i porchetti grassi. Cache ghjattu, prima i pranzu, s’è pure ‘ppozzatu linne a piscina. ‘Na cantatèlla, ‘na pìnnica, e vìa sopr’u rimòrchju du trattore, che c’ha areportatu suppu paese. Simo stati bè, cumè quanno si sta tutti ‘nzème, ci si divèrte sèmpre, pure ca bafagna; e risate si sò sprecate. U “Giru de fonti” atè cusì: si pìscala i sudore, si fanno cèrte bardèlle che nun zi pònno areccontà, ma a fatica vè arecompenzata da tantu divertimentu e da tutta ‘sta Natura che ancora c’emo ‘ntornu e che vorrissiamo fusse apprezzata di più. Se ci penzete bè, e vere ricchezze sò pròpiu queste: a collaborazzione, a compagnia, u verde. U cimentu e l’antenne, détili ai beccamòrti: Santrèsto e a Muntagna nun cenn’hanno più bisògnu. Au pròssim’annu! (W.S.)

Questa voce è stata pubblicata in Soratte Nostro Nuovo. Contrassegna il permalink.

Una risposta a Sant’Oreste – Cronaca del Giro delle Fonti 2011

  1. Ettore Marsili scrive:

    Molti anni fa, forse 40, quando ero in vacanza a S. Oreste, questa “passeggiata” l’ho fatta insieme ad amici e cugini; conservo alcune foto vedo di farvele avere per posta elettronica.
    Garantisco che son rientrato assai “stracco” ma ne valeva la pena.
    Cordiali saluti e buon Natale e buon anno.

    Ettore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *