Anteprima SNN 203 – Il negozio di Attilia

Nel 1876 Capelli Luigi fu Placido comprò per 133 lire dal Demanio e poi dal Capitolo, in Via della Pace, oggi Via Angelo Antonio Cenci, un locale intestato a Capelli Albina. Si vendeva merceria e tessuti, riso, pasta, pepe, citrato. Si faceva spesa due volte l’anno per cinque giorni. In mezzo alla bottega “c’era un focalizzo” per riscaldare l’ambiente. Nel 1939 passò a Malatesta Gerardo e nel 1957 i locali si ampliano. Nel 1968 il negozio si rinnova. Nel 1997 viene affittato a Salustri Anna Rita. Oggi il locale non ospita più attività commerciali in quanto l’Alimentari si è trasferito in Piazza Moroni.

 

Un ricordu i Attiglia (William Sersanti)

M’aresènto ancora mamma che strillava fòrte «Uìglia,
va’ a crompà ‘n filàru i pane lì a bottega i sòra Attìglia»;
io parevo un lepericchju e currevo a fà i commànni,
èro pròpiu munellettu: cumo sò volati l’anni!

Quanno ancora ghjvo a scòla, ci passavo ‘gni matina
e mi piavo, calla calla, ‘na pizzetta i Parmerina;
essa po’ m’arigalava un rumiéllu i carammèlle
ma s’atèro fortunatu, i “moretti” o do’ ciammèlle.

Se nun c’evo mancu un zòrdu, pe’ scroccà ‘na merennina
li dicevo a mùciu ‘rittu «Dòppu paga nònna Rina!»;
si faceva ‘na risata, u sapéa che n’ èra veru
e se tata mi svacava, mi mannava a casa neru!

Ogni tantu lì u bancone ci trovavo pure Ciano
che ‘ffettava ‘che preciuttu c’un curtiéllu finu a mano;
«A me dammi ‘n tuócchju i caciu, quattro mélla e un sfilatinu»,
recitava tutt’i giorni Maggiorina, a mógghje i Chinu.

U negòzziu steva affiancu all’acchjèsa i Sa’ Lorènzu
e u ricòrdu, chì a pilucca, u conzèrvo vivu e ‘ntènzu;
drento a quellu localettu, c’ha passatu um piézz’i vita:
ògghje Attìglia nun c’è piune, da um po’ i anni se n’è ita…

Questa voce è stata pubblicata in Soratte Nostro Nuovo. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *