Nun semo niente

 

La poesia è stata letta pubblicamente a Portavalle da Vando in occasione della commemorazione di Davide a pochi giorni dalla sua morte improvvisa.

Er più severo tra i cardinali
ie stava a dì ‘n m’ascorta più sto clero
rispose er prete: qui siam tutti uguali
e ‘nte scordà che stamo ar cimitero

Po’ capità che entri ar campo santo
quanno c’è poca gente o ‘n c’è nissuno
cammini piano, te fermi ‘gni tanto
e li rivedi ‘n faccia uno ad uno

Guardi le foto e leggi fino ‘n fonno
c’è er nome c’è er cognome e c’è la data
der giorno che sta gente venne ar monno
e quanno iè arrivata la chiamata

La morte qui decide la partita
a chi fa campà poco e a chi dà l’extra
a uno ha dato un secolo de vita
a st’atro n’affacciata de finestra

Chi nasce ‘n giorno qui sarà portato
se pia li vecchi e pia li giovanetti
ie tocca a lo sficato e ar fortunato
e ‘n guarda ‘n faccia a ricchi e poveretti

Nun lascia a li potenti vita eterna
così a li poveracci mezzi gnudi
se ritrovamo in questa pace eterna
a l’ombra de quest’arberi pizzuti

Pregi e difetti e debolezze umane
saran seporte con le nostre storie
cosa ie resta a quello che rimane
quarche fotografia e le memorie

Te ghiaccia come er gelo de l’inverno
la perdita d’un fio o d’un parente
chi se credeva d’esse un padre eterno
s’accorge solo mò che ‘nsemo niente.

Questa voce è stata pubblicata in Soratte Nostro Nuovo. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *