SNN 213 – Novembre bis

Siamo tutti Portaladentrari.

Se dichiararsi paese turistico significa prestare attenzione alle esigenze dei visitatori, Sant’Oreste ancora non si può definire tale. L’ultima trascuratezza, speriamo temporanea, viene dal posizionamento del compattatore proprio di fronte al pannello di informazioni turistiche che descrive la strade dei parchi e la chiesa di San Silvestro. Il pannello al momento in cui scriviamo non è stato né rimosso, né riposizionato in altro luogo più visibile. Un paese turistico per essere tale dovrebbe anche mantenere un Centro di informazioni per i visitatori: noi abbiamo l’opportunità di avere un casotto in Piazza Italia che però si trova in condizioni tali (tetto danneggiato) da non poter essere utilizzato: basterebbe un piccolo sforzo per riattivarlo. Nonostante ciò i turisti, soprattutto gli escursionisti, frequentano e vivono la Riserva del Monte Soratte a dimostrazione che per questo flusso di visitatori non servono interventi se non quelli di ordinaria manutenzione, vigilanza e informazione turistica. Nota dolente e molto meno frequentato il centro storico con il relativo decadimento delle attività commerciali, ma il motivo in questo caso dovrebbe ricercarsi nella trascuratezza in cui viene lasciato il paese dentro le mura, a partire dalla segnaletica superflua, i fili elettrici e cavi telefonici volanti, l’abbandono alle opere pubbliche in interi rioni, in particolare Portaladentro, che sarà pure abitata da poca gente, ma pur sempre cittadini di Sant’Oreste e come tali aventi diritto ai servizi e manutenzione così come tutti gli altri.

Questa voce è stata pubblicata in Soratte Nostro Nuovo. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *